Informativa sui cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy

OK

Chiropratica e lombalgia

04.04.2018

Chiropratica e lombalgia
Quanto aiuta la chiropratica nella lombalgia?

Nel metodo adottato dal Gruppo Medico Isokinetic circa la gestione del dolore lombare, il trattamento chiropratico gioca un ruolo importante.
La decisione da parte del Gruppo di utilizzare la manipolazione vertebrale del chiropratico nel percorso di cura deriva da un’attenta analisi della letteratura scientifica, come spiega il Dr. Franco Cento di Isokinetic Torino, che negli ultimi 20 anni ha dimostrato che il trattamento manipolativo è efficace in fase acuta soprattutto nelle lombalgie che non dimostrano alterazioni importanti anatomiche, ossia quelle definite semplici.

Diverso è l’approccio per le lombalgie specifiche, ossia quelle che hanno delle cause anatomiche precise e ben identificate come un’ernia discale acuta che magari causa un dolore nevralgico irradiato nel cui caso è utile un approccio farmacologico per gestire il dolore e ridurre l’infiammazione.



Perché le linee guida internazionali della gestione del dolore lombare hanno raccomandato la manipolazione vertebrale e perché funziona?
L’obiettivo della manipolazione è quella di ristabilire un normale movimento del complesso articolare vertebrale.
Se la colonna riesce a riacquistare la normale capacità di gestire i carichi impressi su di essa dai muscoli del tronco il dolore si riduce.

In altre parole, se la colonna vertebrale riacquista la sua naturale articolarità ritorna più velocemente ad una gestione normale del carico.
Non si tratta ovviamente di un processo immediato né miracoloso.

Se il dolore accompagnato da rigidità si è presentato è perché il corpo nel suo intento di adattarsi agli stimoli di tutti i giorni non è più riuscito a rimanere elastico e resiliente.
Questo avviene se si è decondizionati o magari dopo essere stati indeboliti da prolungata inattività o da una convalescenza come un’influenza.

Insieme a ristabilire l’articolarità, la ripresa dell’attività fisica velocizza il ritorno e prepara la schiena ad affrontare meglio la quotidianità con l’intento di evitare ricadute.
Come ci ha ben descritto il Dott. Tomaello nell'articolo "Core stability: esercizi di prevenzione e cura per le lombalgie" la ripresa di un buon controllo dei muscoli che sostengono e proteggono la schiena con la core stability, ci permette di vivere in modo migliore il movimento e aumenta il senso di controllo sulla propria schiena.

Il senso di impotenza verso il dolore è tipico di chi ha un dolore cronico di schiena che lo accompagna da mesi.
La manipolazione vertebrale in questi casi è di aiuto ma non risolutiva se non associata ad un percorso ben definito di ripresa del movimento.
Si sa che il lombalgico cronico ha bisogno di ritrovare fiducia nelle proprie capacità di affrontare senza dolore e senza la paura di sentire dolore le attività quotidiane.

Questo richiede un approccio multidisciplinare con fisioterapia e ed esercizio terapeutico seguito con attenzione da professionisti preparati.
Si parla a volte di processi di mesi che però consentono un recupero completo e soddisfacente.
Come possiamo aiutarti?
Utilizza il nostro tool interattivo per descriverci la tua patologia ed entrare in contatto con il nostro staff medico.
ISOKINETIC VIDEO
Vedi tutti»
Ascoltare le esperienze degli altri nostri pazienti, vivere le atmosfere dei nostri eventi come il Congresso internazionale e le nostre feste,  ti aiuterà a scoprire un po' di più sul Gruppo Medico Isokinetic

cookie popup text

Chiudi