Informativa sui cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy

OK

Race Ski Magazine - Crociato anteriore: cinque movimenti da non fare

23.01.2018

Crociato anteriore: è uno degli infortuni più ricorrenti tra gli sciatori, ma con qualche accorgimento e lavorando su esercizi mirati è possibile ridurre i rischi.


 Ecco alcuni consigli di Isokinetic e del Dr. Fabrizio Tencone (Medico e traumatologo dello sport, Direttore di Isokinetic Torino) intervistato da Race Ski Magazine.


In relazione al rischio di infortunio al ginocchio, ed in particolare al legamento crociato anteriore (LCA), esistono dei movimenti da evitare durante le attività sportive. Lo studio dei meccanismi di infortunio e dei fattori di rischio dell’infortunio al LCA, incubo di ogni sciatore, ha permesso ad oggi di arrivare a una comprensione più approfondita delle strategie preventive che possiamo mettere in pista. La valutazione e il trattamento della qualità di movimenti sono senz’altro concetti chiave in questo campo. Alcuni di essi andrebbero evitati dallo sciatore per non mettere a repentaglio la sua salute e il suo ginocchio.

1. Ginocchio valgo dinamico – FOTO 1
Numero uno e indiscusso fattore di rischio per gli infortuni al ginocchio, un eccessivo movimento del ginocchio verso l’interno definito appunto ginocchio valgo dinamico, entra spesso in gioco come determinante degli infortuni al LCA. La combinazione di movimenti e rotazioni con intra-rotazione d’anca e abduzione (movimento verso l’esterno) e rotazione della tibia, comporta la massima tensione al livello del LCA, spesso causandone la rottura. Questo meccanismo si rende inoltre responsabile delle lesioni al legamento collaterale mediale nello sciatore. Le strategie preventive riguardo questo tipo di movimento, più comune nelle sciatrici, si fondano su tecniche di apprendimento dei movimenti corretti e su esercizi di rinforzo dei muscoli dell’anca (in particolare i glutei).




2. Tilt del tronco – FOTO 2
Un’eccessiva inclinazione del tronco sul piano frontale può anch’essa essere responsabile di un’alterazione delle linee di carico dell’arto inferiore e predisporre a sequenze motorie pericolose per la stabilità del ginocchio. Pochi gradi di inclinazione del tronco sul piano frontale, detto anche “Trunk tilt” possono alterare l’allineamento del ginocchio attraverso uno spostamento repentino del centro di massa che si trova appunto nel tronco. L’immagine mostra un movimento del genere in un movimento di lateralità, associato a forze esterne (quindi pericolose) a livello del ginocchio. Le strategie preventive per questo movimento risiedono in un programma di forza funzionale dei muscoli del “core” e di esercizi di destabilizzazione con carico per ricreare una condizione di destabilizzazione.



3. Drop pelvici – FOTO 3
Cadute del bacino controlaterali all’arto di appoggio sono indicative di una scarsa stabilità del muscoli del bacino e sono spesso determinate da una debolezza dei muscoli glutei (in particolare del muscolo gluteo medio) a livello dell’arto sano. Queste alterazioni sono spesso osservabili in relazione ad un collasso mediale del ginocchio e dovrebbero essere evitate al fine di ottimizzare il controllo dell’arto inferiore. Le strategie preventive in questo caso risiedono in un rinforzo selettivo e funzionale dei muscoli dell’anca e a tecniche di apprendimento della sequenza motoria corretta.



4. Stiff landing – FOTO 4
Una debolezza delle grandi masse muscolari dell’arto inferiore ed in particolare dei muscoli della catena cinetica posteriore dell’arto inferiore (muscoli flessori del ginocchio e glutei) può comportare uno scarso assorbimento attraverso la contrazione eccentrica muscolare delle forze di reazione del suolo, ovvero le stesse forze che imprimiamo al suolo che si ripercuotono in misura uguale e contraria sul nostro corpo in moto, specialmente quando in appoggio mono podalico o atterrando da un salto. Questa capacità è in particolare correlata all’angolo di flessione di ginocchio: se poca, comporta spesso questo tipo di criticità. La strategia preventiva richiede esercizi pliometrici e di rinforzo della catena cinetica posteriore.


5. Dominanza quadricipitale - FOTO 5
In determinate condizioni, specie quando l’atleta presenta una dominanza della catena cinetica anteriore (muscolo quadricipite femorale) rispetto alla catena cinetica posteriore (muscoli flessori di ginocchio), questi può adottare delle strategie di movimento “a dominanza quadricipitale” sul piano laterale. In particolare, si osserverà un’anteposizione del ginocchio alla punta del piede, con potenziale sovraccarico, una buona o eccessiva flessione di ginocchio e talloni scollati dal terreno in esercizi di salto. L’anca inoltre è spesso poco flessa. Le strategie di trattamento risiedono in attivazione e rinforzo dei muscoli corretti ed esercizi qualitativi di alterazione del pattern di movimento con feedback laterale.



Come possiamo aiutarti?
Utilizza il nostro tool interattivo per descriverci la tua patologia ed entrare in contatto con il nostro staff medico.
ISOKINETIC VIDEO
Vedi tutti»
Ascoltare le esperienze degli altri nostri pazienti, vivere le atmosfere dei nostri eventi come il Congresso internazionale e le nostre feste,  ti aiuterà a scoprire un po' di più sul Gruppo Medico Isokinetic

cookie popup text

Chiudi