Informativa sui cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy

OK

Pro Gamers: i quattro pilastri del successo negli esport

08.06.2020

Un training generale progettato per sviluppare abilità trasversali come coordinazione occhio-mano, multitasking, bassi tempi di reazione genererà un impatto positivo per ogni giocatore.



Ormai è ben noto: non è sufficiente sedersi di fronte a un videogioco e giocare a lungo ogni giorno per diventare e rimanere giocatori eccellenti.

Oltre all'allenamento quotidiano specifico per gli esport, i giocatori dovrebbero costruire la propria salute e carriera su altri tre pilastri:

  • Esercizio motorio e aerobico

  • Allenamento cognitivo e visivo

  • Adozione di uno stile di vita sano.

Per il primo obiettivo, la forza muscolare, la resistenza e la flessibilità sono cruciali.

Ad esempio, il rinforzo dei muscoli del collo e delle spalle aiuta a sviluppare con maggiore efficacia le capacità motorie del polso e della mano.

Esercizi di mobilità e di rinforzo di polso e avambraccio aiutano a prevenire e curare la sindrome del tunnel carpale, una delle lesioni più temute dai giocatori.

L'allenamento aerobico è un utile complemento per mettersi in forma e aumentare la resistenza, che aiuterà a rimanere concentrati durante le lunghe competizioni.

Non solo, la prevenzione è fondamentale. Per questo tipo di attività fisica, il corpo deve essere preparato a tollerare un elevato volume e una elevata frequenza di movimenti specifici ripetuti per un lungo periodo di tempo, al fine di ridurre il rischio di lesioni.

Dolore, limitazioni e la disabilità temporanea derivante dagli infortuni riducono infatti le prestazioni, potrebbero causare la perdita di una partita o di una competizione e, in ultimo, potrebbero avere un impatto negativo sulla carriera di un player esport.


In secondo luogo, la visione e le capacità cognitive sono cruciali per qualsiasi giocatore, quindi dovrebbero essere adeguatamente valutate da un medico e accuratamente allenate.

Un training generale, non specifico per il gioco, ma progettato per sviluppare abilità trasversali come coordinazione occhio-mano, multitasking, bassi tempi di reazione genererà un impatto positivo per ogni giocatore.

 

Infine, nonostante le crescenti raccomandazioni sull'argomento, la maggior parte dei giocatori non è ancora abbastanza fisicamente attiva. Uno studio pubblicato dal Center for Sports Medicine del New York Institute of Technology ha riportato che quasi la metà dei giocatori esport non prende parte a nessun tipo di attività fisica.

L'attività predominante del giocatore è da seduto. Sessioni di allenamento e competizioni prolungate potrebbero causare un sovraccarico delle strutture articolari e muscolari della colonna vertebrale e degli arti superiori. Molti infortuni negli esport sono infatti paragonabili a quelli osservati nei lavori d'ufficio, con l'aggiunta di molte azioni motorie fini altamente specifiche.

Per evitare gli infortuni, ogni atleta esport deve ricevere una consulenza adeguata e personalizzata sull'ergonomia ottimale delle proprie attrezzature.

Inoltre, sarà essenziale incorporare il movimento come routine quotidiana per fare delle pause durante lunghi periodi di seduta, adottare un'alimentazione equilibrata e infine avere un'igiene del sonno adeguata.

 

Un approccio di lavoro di squadra specializzato è la risposta per ottimizzare la salute e le prestazioni dei giocatori esport.

Coach e atleti devono essere aggiornati su semplici linee guida per riconoscere i segni di lesioni da uso eccessivo comuni e problemi psicologici, al fine di fare riferimento tempestivamente agli operatori sanitari. La comunicazione tra l'atleta, il coach e il team sanitario deve essere aperta e diretta.

L'obiettivo finale è che ogni giocatore apprenda e segua consapevolmente uno stile di vita sano e sia allenato con strategie specifiche avanzate al fine di massimizzare le sue prestazioni e ridurre al minimo la possibilità di infortuni.


Dr. Marco Gastaldo

Medico Chirurgo

Specialista in Medicina Fisica e Riabilitativa

Isokinetic Medical Group – Isokinetic Torino

Come possiamo aiutarti?
Utilizza il nostro tool interattivo per descriverci la tua patologia ed entrare in contatto con il nostro staff medico.
ISOKINETIC VIDEO
Vedi tutti»
Ascoltare le esperienze degli altri nostri pazienti, vivere le atmosfere dei nostri eventi come il Congresso internazionale e le nostre feste,  ti aiuterà a scoprire un po' di più sul Gruppo Medico Isokinetic

cookie popup text

Chiudi