Informativa sui cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy

OK

Il Dr. Tencone intervistato dal giornale vercellese La Sesia

14.05.2018

Il Dr. Tencone intervistato dal giornale vercellese La Sesia
L'infortunio più temuto è la rottura del legamento crociato

(Articolo pubblicato su LA SESIA, Lunedì 30 Aprile 2018) 

"Ogni campione che vediamo giocare nelle grandi squadre, o realizzare grandi imprese nelle manifestazioni più importanti, non è un atleta normale: sono persone che hanno qualcosa in più degli altri".



A parlare così è Fabrizio Tencone, per anni anni medico della Juventus, attuale responsabile del centro Isokinetic di Torino, tra i più importanti al mondo per la cura e la riabilitazione ortopedica e sportiva.

Fabrizio fa parte di quel vero e proprio giacimento di vercellesi illustri (è nato nella nostra città il 19 agosto del 1963)che si sono fatti onore del mondo e di cui la città del Sant’Andrea va assai fiera. Scenario è il Modo Hotel e il meeting annuale dell’Associazione Veterani Pro Vercelli Calcio, orchestrata in misura impareggiabile dal presidente del club, Franco-“il capitano”- Balocco e dai suoi fantastici soci ex bianche casacche (sempre un’emozione assoluta vedere Castellazzi, Cavagnetto, Picardi, Roda, Bosetti, Ciocchetti e tanti, tanti altri).

Sentir parlare Tencone è come ascoltare Schubert per chi ama la musica: «L’infortunio più temuto è la rottura del legamento crociato, perché, solitamente, solo nel 53 per cento circa dei casi si torna ad una completa funzionalità precedente».
«Ma, attenzione - prosegue lo specialista - questo non vale statisticamente per i calciatori che militano in Champions League, il cui livello di recupero totale sfiora il 93 per cento dei casi: ecco perché si parla di atleti davvero speciali: se sono arrivati sino a qui livelli, il motivo è - oltre che psico-tecnico-tattico - anche squisitamente grazie alla loro struttura fisica».

Fabrizio, lei arrivò in prima squadra e un anno e un mese dopo la Juventus vinse la sua seconda Champions League, seguita dalla Supercoppa e dalla Intercontinentale…
«Sì, successe proprio così - dice il medico -, ma quello era un gruppo di uomini straordinari, dalla materia grigia anche in questo caso sopra la norma: Conte, Zidane, Deschamps, Vialli, erano già allenatori, oltre che leader e professionisti assoluti anche quando giocavano».


(Alex Tacchini)
Come possiamo aiutarti?
Utilizza il nostro tool interattivo per descriverci la tua patologia ed entrare in contatto con il nostro staff medico.
ISOKINETIC VIDEO
Vedi tutti»
Ascoltare le esperienze degli altri nostri pazienti, vivere le atmosfere dei nostri eventi come il Congresso internazionale e le nostre feste,  ti aiuterà a scoprire un po' di più sul Gruppo Medico Isokinetic

cookie popup text

Chiudi