Informativa sui cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy

OK

Prevenzione e riabilitazione degli infortuni negli sport invernali

25.01.2019

Prevenzione e riabilitazione degli infortuni negli sport invernali
L’analisi del movimento e lo sviluppo di schemi motori corretti per la salute di tendini, muscoli, ossa e legamenti


Lo scorso 25 gennaio a Riva del Garda si è tenuto il Congresso “La traumatologia dell’arto inferiore negli sport invernali”, al quale il Dr. Marco Gastaldo di Isokinetic Torino ha partecipato con una relazione sulle patologie da sovraccarico. 

Ecco i punti chiave del suo intervento:

Il danno da sovraccarico (o overuse) avviene a causa di microtraumi ripetuti nel tempo che superano il limite tollerato dall’organismo.

L’età evolutiva è un periodo particolarmente delicato: ragazzi e ragazze hanno tessuti in accrescimento che possono andare più facilmente incontro a sovraccarico funzionale.



Il distretto maggiormente colpito da sovraccarico negli sport invernali è l’arto inferiore, con problemi tipici per ogni sport:

  • dolore anteriore di ginocchio da tendinopatia rotulea e sindrome femoro – rotulea nello Sci alpino;
  • tendinopatia achillea, frattura da stress della tibia e del metatarso nello Sci di fondo;
  • tendinopatia rotulea, dei peronieri e del tibiale anteriore nel Pattinaggio di figura;
  • tendinopatia degli adduttori (una forma di “pubalgia”) e conflitto femoro – acetabolare nell’Hockey su ghiaccio.





Secondo le evidenze scientifiche e l’esperienza del Gruppo Medico Isokinetic la prevenzione e la cura di questi problemi sono possibili ponendo attenzione ad alcuni aspetti:

  • Sviluppare la propria forma fisica aumentando la capacità aerobica e anaerobica (attraverso il Test di soglia);
  • Sottoporsi a un training neuromuscolare dopo un’analisi del movimento per sviluppare gli schemi motori più adatti alla propria attività sportiva e correggere quelli alterati (attraverso il Test di Analisi del Movimento e il training nella Green Room Isokinetic);
  • Assicurare tempi di recupero congrui tra un allenamento e l’altro (almeno 2 giorni di riposo a settimana) e carichi di lavoro adeguati;
  • Scegliere con cura attrezzature e calzature per la pratica sportiva.
 
Come possiamo aiutarti?
Utilizza il nostro tool interattivo per descriverci la tua patologia ed entrare in contatto con il nostro staff medico.
ISOKINETIC VIDEO
Vedi tutti»
Ascoltare le esperienze degli altri nostri pazienti, vivere le atmosfere dei nostri eventi come il Congresso internazionale e le nostre feste,  ti aiuterà a scoprire un po' di più sul Gruppo Medico Isokinetic

cookie popup text

Chiudi