Informativa sui cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy

OK

Frattura da stress

Il trattamento, di tipo conservativo, si sviluppa nelle tradizionali 5 fasi, mettendo immediatamente l’atleta a riposo (2-6 settimane): scarico con stampelle ed eventualmente apparecchio gessato nei casi più gravi.

Le terapie fisiche possono giovarsi dei campi elettromagnetici pulsati. Anche le onde d’urto possono accelerare i tempi di guarigione. Con la progressiva scomparsa del dolore il trattamento potrà essere effettuato in piscina (in scarico) per recuperare il tono muscolare, la propriocettività e la resistenza aerobica di base. In seguito campo sportivo.

Al rientro all’attività fondamentale l’analisi e la correzione dei fattori di rischio, come la scelta dell’equipaggiamento sportivo (scarpe), eseguire un riscaldamento adeguato. 

Il trattamento chirurgico può essere indicato per le fratture da stress del collo del femore e della regione centrale della tibia può essere utilizzato un approccio chirurgico, poiché impiegano più tempo per guarire. Anche nel caso delle fratture metatarsali può rendersi indicato l’approccio chirurgico tramite sintesi.

Richiedi informazioni 
e/o prenota una visita
Se, invece, volevi contattarci per lavorare con noi, usa questo link

*Ho letto e accetto l' informativa sulla privacy

cookie popup text

Chiudi