Informativa sui cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy

OK

Tendinopatia rotulea

La tendinopatia rotulea è una patologia molto frequente nella popolazione sportiva e colpisce maggiormente gli atleti che esprimono forza esplosiva (pallavolo, basket e atletica leggera).

Può essere la conseguenza di un evento acuto scatenato da un sovraccarico funzionale o da microtraumi ripetuti. 

Nel caso della tendinopatia rotulea, clinicamente si rileva dolore al polo inferiore della rotula e tumefazione dolente alla digito-pressione. Il dolore insorge gradualmente, si riduce con il riscaldamento ma progressivamente limita la prestazione. 

Vengono distinti 4 stadi clinici di tendinopatia rotulea:

Stadio I: il dolore compare dopo l’allenamento, l’attività non è limitata.

Stadio II: il dolore è presente all’inizio, scompare con il riscaldamento e ricompare a freddo.

Stadio III: il dolore permane per tutta la durata della prestazione.

Stadio IV: la rottura del tendine. 

La diagnosi della tendinopatia rotulea è clinica e supportata da esami strumentali quali un’ecografia muscolo-tendinea per avere un’idea del grado di tendinosi ed una RMN per le forme più gravi.

Il trattamento, inizialmente conservativo, è sempre molto delicato e le possibilità di successo dipendono dalla gravità del quadro patologico e dal tempo di insorgenza della sintomatologia.

Riabilitazione per tendinopatia rotulea

Il buon esito del trattamento riabilitativo della tendinopatia rotulea è molto differente a seconda del tempo di insorgenza della patologia, della gravità e del tipo di paziente. Un quadro di recente insorgenza e modesta gravità offre buone possibilità di successo, indipendentemente dallo sport; un quadro presente da tempo, precedentemente maltrattato e di gravità maggiore deve essere considerato una situazione molto difficile con notevoli possibilità di insuccesso, soprattutto in atleti che non sono abituati a convivere con il problema.

Il trattamento riabilitativo  prevede all’inizio un riposo attivo, riducendo cioè il carico di lavoro, eliminando i gesti che esacerbano il dolore, senza interrompere l’attività e il controllo del dolore attraverso le terapie fisiche (laser, onde d’urto, ultrasuono). 
Molto importante in questa fase il massaggio decontratturante del quadricipite, riflessogeno del retto femorale e il massaggio trasverso profondo del tendine rotuleo unito ad una buona esecuzione di esercizi di stretching della catena anteriore e posteriore per allentare le tensioni sul tendine stesso. 

In fase subacuta si può iniziare il rinforzo muscolare eccentrico ed elastico del quadricipite e dei muscoli del core; in assenza di dolore si può passare al recupero del gesto specifico e ad esercitazioni preventive. La vera cura della tendinopatia è quindi la prevenzione, evitando i sovraccarichi.

Richiedi informazioni 
e/o prenota una visita
Se, invece, volevi contattarci per lavorare con noi, usa questo link

*Ho letto e accetto l' informativa sulla privacy

cookie popup text

Chiudi