Informativa sui cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy

OK

Ipertermia

La somministrazione di calore mediante ipertermia trova vasta applicazione in traumatologia. Si definisce termoterapia endogena il calore che si sviluppa all'interno dei tessuti, attraverso la conversione di un'altra forma di energia. In questo caso l'energia utilizzata è quella elettromagnetica e l'effetto fisiologico principale è la vasodilatazione del tessuto che subisce il riscaldamento.

La vasodilatazione facilita la rimozione degli infiltrati infiammatori dell'edema e degli essudati, favorendo l'apporto degli agenti riparativi. A causa dell'innalzamento locale di temperatura aumenta anche il metabolismo cellulare; viene anche stimolato il meccanismo del gate control con effetto antalgico, cioè l’innalzamento della soglia del dolore e diminuzione dello spasmo muscolare; si ha infine una riduzione della rigidità articolare e dei tessuti fibrosi in genere.

L'ipertermia è indicata nei casi di rigidità e manifestazioni dolorose post-traumatiche, artropatie croniche e degenerative, borsiti, sindromi canalicolari, mialgie e fibromialgie, rachialgie, lombalgie e lombosciatalgie, flogosi profonde a lenta risoluzione, esiti di edemi ed ematomi tendenti a cronicizzare, peritendiniti croniche e tendinosi
Richiedi informazioni
e/o prenota una visita
Se, invece, volevi contattarci per lavorare con noi, usa questo link

*Ho letto e accetto l' informativa sulla privacy

cookie popup text

Chiudi