Informativa sui cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy

OK

Isokinetic tra le big della Champions "chiama" a Londra il Bologna di Saputo e Tacopina

07.04.2015

Isokinetic tra le big della Champions "chiama" a Londra il Bologna di Saputo e Tacopina

Sabato 11 e domenica 12 aprile al “Queen Elizabeth II Conference Centre” della capitale inglese va in scena il XXIV Congresso Isokinetic sul tema “Strategie mediche per la salute del calciatore”. Lunedì 13 il simposio aperto agli sport.

Nuova, ma già collaudata, location: stesso livello di eccellenza. Le vie del calcio sono infinite, ma quelle che portano ancora una volta il Congresso Isokinetic a Londra sono la prova che con un robusto progetto culturale e scientifico alle spalle si può partire da via Saffi e arrivare dopo un viaggio ventennale al “Queen Elizabeth II Conference Centre” senza soffrire di vertigini. 
In fondo il XXIV Congresso Isokinetic sul tema “Strategie mediche per la salute del calciatore”, organizzato da Isokinetic in collaborazione col Centro Studi della Fifa F-Marc, che si terrà a Londrà l'11 e il 12 aprile e che il 13 aprile avrà come illustre appendice il 3° “Science of Football Summit”, è una suggestione utile anche per il percorso che intende seguire il nuovo Bologna a trazione americana di Saputo e Tacopina. Il club rossoblù che il magnate canadese e l'avvocato newyorchese hanno raccolto a ottobre nel sottoscala del calcio italiano punta infatti ad approdare, con un ambizioso processo di crescita graduale da coltivare negli anni, nel cuore di quell'Europa calcistica in cui da tempo i dirimpettai dell'Isokinetic (a Casteldebole le due strutture sono confinanti) hanno piantato le tende. A Londra è infatti già operativa dal 2012 una prestigiosa costola della casa madre Isokinetic di Bologna, filiazione diretta del piccolo ambulatorio cittadino in via Saffi da cui nel 1987 iniziò la felice avventura di Stefano Della Villa e Gianni Nanni (e che nel 2009 ha portato a Isokinetic l'ambito riconoscimento di “Fifa Medical Centre of Excellence”). 
A Londra il Congresso Isokinetic sbarca per la terza volta nella sua storia: e sarà come giocare una finale anticipata di Champions League considerato che al tavolo dei relatori siederanno tutti i top club del vecchio continente che a giugno si contenderanno il prestigioso trofeo all'Olympiastadion di Berlino. 
Anche i numeri certificano l'importanza dell'evento: si va dai 1500 iscritti ai 200 relatori, passando per i 70 paesi in rappresentanza di cinque continenti. Sono invece quattro le macro-aree tematiche che, come altrettante angolazioni da cui approcciare la materia, affronteranno il tema della salute del calciatore: medicina, ortopedia, riabilitazione e scienza. 
Con un percorso che coinvolgerà tutti gli operatori del settore impegnati nella gestione dell'atleta, sia esso un professionista o un dilettante: chirurghi ortopedici, fisiatri, medici dello sport, radiologi, chiropratici, fisioterapisti, preparatori atletici, massaggiatori, allenatori e team manager. La filiera del pallone al gran completo che si prende cura della salute del calciatore: con la novità di una finestra spalancata sugli altri sport. 
Succede lunedì 13 aprile, nell'ambito del simposio significativamente intitolato “Conoscenza senza confini: notizie dagli altri sport”. Si spazia dal baseball alla pallacanestro, passando per rugby e cricket, nella fondata convinzione che il confronto e l'osmosi tra esperienze maturate in differenti discipline sportive sia alla base di una crescita delle conoscenze scientifiche. Sotto la lente di ingrandimento finirà soprattutto il basket Nba, il cui ambasciatore simbolico sarà quel Philip Coles che è il direttore della medicina sportiva dei San Antonio Spurs, la franchigia in cui milita il bolognese Marco Belinelli.
Da quest'anno infatti Isokinetic, che già da tempo è la struttura sanitaria di riferimento per le realtà cestistiche cittadine di Virtus Fortitudo, ha firmato un accordo con gli Spurs che affida al centro Isokinetic di Londra il compito di fare il check-up di ingresso a tutti i cestisti che San Antonio recluterà in Europa.
Un incarico di prestigio che testimonia una volta di più, ove mai ce ne fosse bisogno, gli elevati standard di eccellenza di Isokinetic nel panorama scientifico della medicina sportiva mondiale. 

Ufficio Stampa 
Nadia Guiduzzi 
Tel. 051.2986800 
n.guiduzzi@isokinetic.com 
www.isokinetic.com 
www.footballmedicinestrategies.com

Come possiamo aiutarti?
Utilizza il nostro tool interattivo per descriverci la tua patologia ed entrare in contatto con il nostro staff medico.
ISOKINETIC VIDEO
Vedi tutti»
Ascoltare le esperienze degli altri nostri pazienti, vivere le atmosfere dei nostri eventi come il Congresso internazionale e le nostre feste,  ti aiuterà a scoprire un po' di più sul Gruppo Medico Isokinetic

cookie popup text

Chiudi