Informativa sui cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy

OK

Riabilitazione per contrattura del popliteo

La funzione principale del tendine popliteo è quella di controllare la rotazione interna della tibia rispetto al femore e raramente entra nei casi di traumatologia sportiva, fatta eccezione per gli atleti che corrono su percorsi in discesa o collinari o in presenza della patologia del piede valgo o pronato.

La contrattura del popliteo è presente in soggetti che hanno avuto un evento distorsivo e hanno dolore al ginocchio. Quando si soffre di contrattura del popliteo è importante tenere a riposo il ginocchio e la gamba e trattarla fin da subito come qualsiasi altra contrattura muscolare: si possono utilizzare ultrasuoni a contatto, ipertermia, tens endorfinica, ma la parte fondamentale della terapia è il massaggio decontratturante, ma non profondo, per non infiammare i linfonodi e vasi sanguinei presenti in gran numero nel cavo popliteo.

La rieducazione prevede in una fase successiva l’esecuzione di esercizi eccentrici del polpaccio, muscoli del piede, flessori, esercitazione propriocettive per migliorare l’equilibrio e il controllo muscolare e un’attività aerobica crescente e propedeutica al ritorno alla corsa.

Molto importante concludere il programma riabilitativo con la ripresa del gesto tecnico in campo, per migliorare l’appoggio e l’assetto della corsa ed eliminare eventuali difetti posturali che hanno causato la contrattura.

Richiedi informazioni 
e/o prenota una visita
Se, invece, volevi contattarci per lavorare con noi, usa questo link

*Ho letto e accetto l' informativa sulla privacy

cookie popup text

Chiudi