Informativa sui cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy

OK

Frattura del bacino

La frattura del bacino si osserva oggi sempre più frequentemente per l’aumento degli incidenti stradali.

Si possono suddividere in 3 grandi gruppi:

  • Fratture che provocano la discontinuità del bacino con perdita della stabilità. Esempi di questo tipo sono: le fratture della branca superiore ed inferiore (intorno al forame otturatorio), le fratture della sinfisi pubica (la cosiddetta frattura a farfalla). 
  • Fratture che provocano la discontinuità del bacino ma che conservano stabilità. Esempi sono: la frattura isolata del pube, la frattura isolata dell’ischio. 
  • Fratture e lussazioni che interessano l’articolazione dell’anca, con o senza frattura dell’acetabolo

Le fratture del bacino hanno un’alta incidenza di complicanze gravi, motivo per cui è sicuramente fondamentale una tempestività di intervento per i chirurghi ortopedici in prima istanza, ma anche una condotta prudente durante la riabilitazione.

Il periodo di riabilitazione generalmente ha una durata dai 4 ai 6 mesi, anche se è soggetto ad alcune variabili, in particolare l’età.
Richiedi informazioni 
e/o prenota una visita
Se, invece, volevi contattarci per lavorare con noi, usa questo link

*Ho letto e accetto l' informativa sulla privacy

cookie popup text

Chiudi