Informativa sui cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy

OK

Frattura del capitello radiale

Il trattamento della frattura del capitello radiale si diversifica per tipo di frattura.

Le fratture di tipo I sono le più semplici e vengono trattate con una breve immobilizzazione seguita da una cauta e precoce riabilitazione.

In caso di fratture di tipo II è indicato l’intervento chirurgico di riduzione ed osteosintesi, nel quale i frammenti vengono ricomposti ed uniti con piccole viti.

Nelle fratture del capitello radiale di tipo III viene sempre tentata la riduzione e l’osteosintesi con piccole viti o con l'ausilio di una placca metallica.

La sostituzione protesica invece è particolarmente indicata nel caso della frattura di tipo IV e cioè quando alla frattura si associa anche la lussazione. 

Richiedi informazioni 
e/o prenota una visita
Se, invece, volevi contattarci per lavorare con noi, usa questo link

*Ho letto e accetto l' informativa sulla privacy

cookie popup text

Chiudi