Informativa sui cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy

OK
Congresso 2016

Football Medicine Strategies - Return to Play

La XXV edizione del Congresso Internazionale sulla Riabilitazione Sportiva e Traumatologia si è svolta a Londra presso il Queen Elisabeth II Conference Centre con il titolo “Return to Play”.

Un recente studio ha evidenziato come solo il 55% dei giocatori ritorni a praticare sport a livello competitivo dopo ricostruzione del legamento crociato anteriore. È inoltre noto che il rischio di avere un nuovo infortunio sia pari al 5,8% per il neo-legamento omolaterale ricostruito e al 11,8% per il legamento controlaterale ad un minimo di 5 anni di follow up.

Alla fine tutto si riduce al concetto di “Return to Play”. La vera domanda che interessa medici, giocatori e squadre è: “Quando e come il giocatore potrà tornare in campo in sicurezza?”

RTP è un argomento molto vasto e questo congresso si è proposto di offrire un’ampia panoramica per fornire la visione di insieme necessaria per avere successo nella carriera dello sportivo professionista. Questo è reso possibile dalla condivisione di esperienze e conoscenze dei massimi esperti delle diverse discipline che convergono nella Football Medicine Community.

Infatti, il Congresso è stato soprattutto un’occasione di discussione e scambio di idee ed esperienze.

In particolare, Return to Play è stato analizzato da diversi punti di vista: medicina dello sport, ortopedia, sports science, fisioterapia, psicologia, medicina generale, radiologia, chiropratica, osteopatia, preparazione atletica, allenatori e medici di squadre. Attraverso questo approccio multidisciplinare e superando la rigida divisione fra punto di vista medico e fisioterapico, si può guadagnare una più profonda comprensione del processo di recupero da un infortunio e non solo approfondire qualche singolo aspetto tecnico.

Il nostro scopo è portare la salute nel mondo del calcio. Sono oltre 300 milioni i calciatori nel mondo e noi vogliamo dare agli staff che dovranno curarne la salute le migliori competenze e la possibilità di confrontarsi con gli esperti mondiali del settore.

cookie popup text

Chiudi